Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

I diari dei parroci friulani nelle guerre mondiali di Giacomo Viola

Le due guerre mondiali raccontate nei diari parrocchiali dai parroci di Coseano, un piccolo comune friulano.

Le guerre non rappresentano più un’esigenza dell’Italia  imperiale e fascista, ma diventano fatti, luoghi veri e reali, persone in carne ed ossa con le loro virtù e con i loro difetti, uomini e donne che soffrono, che vivono, che muoiono nelle guerre in quei paesi del Friuli che subirono le invasioni e le occupazioni militari nel 1917 e nel 1943.

Attraverso la visione della guerra da parte dei sacerdoti, emerge un Friuli che sembrava una terra lontana dai centri di decisione importanti, ma che poi divenne luogo centrale dei conflitti che si stavano combattendo.

I sacerdoti raccontano la guerra definendola un baratro profondo, un vortice oscuro dal quale ci si poteva salvare soltanto invocando l’aiuto supremo: “Dio salvi l’Italia"


torna all'inizio del contenuto